mercoledì 20 gennaio 2016

Recensione: Shadowhunters - Città di Ossa di Cassandra Clare

Etichette: , , , , , , , , ,
shadowhunters città di ossa cassandra clare recensione

Ciao a tutti lettori, come state?
Oggi vi porto la recensione di Shadowhunters - Città di Ossa e sì, lo so che non è una novità nel mondo libroso, ma questa serie - come forse solo quella di Twilight - è importante per me, e quindi ho deciso di recensirvela lo stesso (anche perchè c'è la serie tv in corso e secondo voi mancherò di fare un Book VS Movie fra i due?).
Comunque, per rendere giustizia alla recensione, con questo libro darò il via ad una mezza rubrica che chiamerò "Vecchie Glorie": mezza rubrica perchè sarà sempre associata ad una recensione. Sì, è vero, non è che sia poi così vecchio, in fondo è solo del 2007 la prima edizione, però ha avuto il suo momento di gloria.

shadowhunters città di ossa cassandra clare recensione review
SHADOWHUNTERS - CITTÀ DI OSSA
Cassandra Clare
shadowhunters città di ossa cassandra clare recensione
Editore: Mondadori
Prezzo: Rilegato 14,90€, Brossura 10,50€, Brossura Small 5,00€, Ebook 6,99€
Pagine: 525
Serie: Shadowhunters - The Mortal Instrument #01

Trama: Al Pandemonium Club di New York si fanno strani incontri. Seguendo un affascinante ragazzo dai capelli blu nel magazzino del locale, Clary vede tre guerrieri coperti di rune tatuate circondarlo e trafiggerlo con una spada di cristallo. Vorrebbe chiamare aiuto, ma non rimane nessun cadavere, nessuna goccia del sangue nero esploso sull'elsa e soprattutto nessuno da accusare, perché i guerrieri sono Shadowhunters, cacciatori di demoni, e nessun altro, tranne Clary, può vederli. Da quella notte il suo destino si lega sempre più a quello dei giovani Cacciatori, soprattutto al magnetico Jace: poteri che non aveva mai avuto e ricordi sepolti nella memoria cominciano a riaffiorare co- me se qualcuno avesse voluto tenerglieli nascosti fino ad allora. Clary desidera solo ritrovare la madre misteriosamente scomparsa, ma sarà coinvolta in una feroce lotta per la conquista della Coppa Mortale, una lotta che la riguarda molto più di quanto non creda...


RECENSIONE

Clary Fray è una normale quindicenne che spende il suo tempo fra l'arte e il suo migliore amico Simon, finché un giorno entra in contatto con il Mondo Invisibile: una realtà che coesiste con quella che tutti conosciamo, ma di cui fanno parte tutte le leggende su mostri e incubi.
Di questo Mondo Invisibile fanno parte anche gli Shadowhunters, e sarà proprio l'incontro con uno di loro - Jace - che cambierà per sempre la vita della nostra protagonista.

Allora, una premessa doverosa: questa recensione viene scritta alla seconda/terza rilettura completa del libro, quindi perdonatemi se sentirete poco il sentimento d'amore profondo che ho provato per questo libro fin dalla prima pagina e se verrà a galla una parte più razionale che andrà a scovare i difetti di questa magnifica storia.

Shadowhunters è una saga unica nel suo genere, c'è poco da discutere su questo. I personaggi sono perfettamente caratterizzati, sono credibili e soprattutto sono fedeli ai ruoli che vengono loro assegnati.
Sono talmente fatti bene che la protagonista, Clary, risulta (almeno a me) essere addirittura fastidiosa! Vi giuro che non mi era mai capitato (a parte con Bella in Twilight) che la protagonista mi desse sui nervi in questa maniera: è capricciosa e agisce senza pensare... che sì, okay, va bene essere impulsivi però c'è un limite...
I personaggi secondari non vengono mai lasciati in disparte e hanno tutti un pezzo di storia dedicata.
Anche gli ambienti sono ben fatti: dettagliati al punto giusto, senza incombere nel noioso, sono facili da visualizzare (forse anche troppo!).

Per essere onesti, l'appunto al riguardo che mi sento di porre è l'uso spropositato di similitudini. Ora, io non so se questo è lo stile della Clare (non avendolo letto in lingua originale) o se è colpa della traduzione, però davvero ce n'è un'esagerazione.
Oltre a questo, un'altra cosa che è venuta a galla con la seconda lettura è la presenza di scene - a mio parere superflue - messe lì giusto per introdurre degli argomenti che potevano essere spiegati nella prima lezione che il tutore di Jace (Hodge) fa a Clary riguardo il Mondo Invisibile.
A parte queste due cosucce il libro procede spedito, lo stile della Clare è impareggiabile ed è una cosa che si capisce solo leggendo il libro perché la versione cinematografica non gli rende giustizia.

Circa l'edizione, non so quella rigida, ma la brossura della Mondadori lascia sempre a desiderare per qualità di stampa: spesso le parole sono tagliate.
Per quanto riguarda la copertina, sì okay non è paragonabile a quella originale, però a me non dispiace!

Ora tocca a voi! Avete letto il libro (o la serie)? Vi è piaciuto?
Forza, forza, ditemi cosa ne pensate!

Cassandra Clare - Shadowhunters The Mortal Instrument:

1. Città di Ossa, 2007 (City of Bones, 2007)
2. Città di Cenere, 2008(City of Ashes, 2008)
3. Città di Vetro, 2009 (City of Glass, 2009)
4. Città degli Angeli Caduti, 2011 (City of Fallen Angels, 2011)
5. Città delle Anime Perdute, 2012 (City of Lost Souls, 2012)
6. Città del Fuoco Celeste, 2014 (City of Heavenly Fire, 2014)



Nessun commento:

Posta un commento