venerdì 29 aprile 2016

How It Was #03

Etichette: , , , , , ,
How it Was 


Buon venerdì inkers! Pronti per un nuovo confronto?
Sì, lo so... l'ora è tarda rispetto al solito, ma ho una validissima giustificazione: questa mattina avevo un colloquio, mi perdonate?
L' "How It Was" di questa settimana è diverso perché confronteremo le copertine di una trilogia che ha avuto diverse edizioni nel mondo e, siccome sono tutte bellissime, meritano di essere guardate!
Di cosa parlo? Della serie di "Cuore d'Inchiostro" di Corneli Funke!

Devo ammettere, come detto prima, che questa trilogia ha goduto di copertine fantastiche in tutte le sue edizioni, ma se proprio dovessi sceglierne una... la mia scelta cadrebbe proprio sulla nostra cara edizione italiana. Quella che vi ho mostrato è la più recente, quella vecchia proprio non mi piaceva.

E voi quale preferite?

«Certi libri vanno assaporati lentamente, altri divorati in un sol boccone. E solo alcuni, pochi, vanno masticati per digerirli completamente.»
Da Cuore D'Inchiostro          

«Non è strano come un libro diventi più spesso se viene letto e riletto in continuazione? [...] Come se ogni volta, fra le pagine, rimanesse attaccato qualcosa: sensazioni, pensieri, rumori, odori… E quando a distanza di anni li riapri, ritrovi te stesso, un po’ più giovane, un po’ diverso, quasi il libro ti avesse conservato  come un fiore fatto seccare fra le pagine… un po’ estraneo, un po’ familiare.»
Da Veleno D'Inchiostro          

"In fondo i libri non erano tutti un po' imparentati fra loro? Dopotutto contenevano le stesse lettere, solo in sequenza diversa. E questo, in un certo qual modo, significava che in ognuno di loro ne era racchiuso un altro."
Da Alba D'Inchiostro          




6 commenti:

  1. Anche a me l' edizione italiana piace specie quella dei primi due ma è molto carina anche la versione inglese

    RispondiElimina
  2. Io preferisco la versione spagnola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me quelle sono al secondo posto! Lo stile pergamena mi piace molto!

      Elimina
  3. Sicuramente le migliori sono quelle italiane seguite da quelle spagnole

    RispondiElimina