martedì 27 settembre 2016

Domino Letterario #04 Recensione: Come sposare un milionario di Curtis Sittenfeld

Etichette: , , , , , , , , ,
Domino Letterario 


Buongiorno inkers, iniziata bene la settimana ieri? Io ho fatto la prima lezione di teoria per la patente, non starò a narrarvi le mie sfighe perché davvero forse dovrei fare un giro a Lourdes e chiedere un po' di pietà.

Oggi è martedì. Ed è il 27 del mese. Vi dice niente questa data? No? Ma come no? Lettori oggi è il 27 del mese e ovviamente abbiamo una nuova puntata del Domino Letterario!
Il Domino Letterario è un'iniziativa tra un gruppo di blogger che consiste nel scrivere la recensione di un libro che si colleghi per qualcosa al libro che la persona prima di noi ha scelto, proprio come le tessere del domino.
E per questa puntata, finalmente vi porto la recensione di "Come sposare un milionario" di Curtis Sittenfeld edito da Bookme DeA.

recensione review Come sposare un milionario di Curtis Settinfeld
COME SPOSARE UN MILIONARIO
Curtis Sittenfeld

recensione review Come sposare un milionario di Curtis Settinfeld

Editore: Bookme DeA
Prezzo: Rigido: 16,90€ Ebook 8,99€
Pagine: 512
Serie: Autoconclusivo

Trama: Il matrimonio è sopravvalutato. Almeno è così che la pensa il Signor Bennet, padre di cinque splendide figlie – tutte ostinatamente nubili – e marito di lungo corso di una donna ingombrante. Ma quando Chip Bingley, scapolo tra i più ambiti, fa ritorno a Cincinnati, niente e nessuno può contenere la frenesia che come una febbre si impossessa della Signora Bennet. L’eccitabile e invadente matriarca, infatti, è pronta a tutto pur di vedere sistemate almeno le maggiori tra le sue ragazze: la dolce Jane, maestra di yoga ormai vicina ai quaranta e tormentata dal desiderio di un figlio, e l’inquieta Lizzie, giornalista residente a New York e single part-time. Poco importa che problemi ben più pressanti minaccino la serenità della famiglia… Sull’orlo della rovina economica, incalzate da mille imprevisti e complicazioni, riusciranno le sorelle Bennet a sopravvivere a quel ciclone chiamato amore?


RECENSIONE

Non ho mai fatto segreto dell'amore incondizionato che provo per Orgoglio e Pregiudizio, per Mr. Darcy - in particolare - con i suoi modi bruschi e l'insicurezza, ma anche quell'amore così puro e sincero.
Così, quando la DeA ha annunciato questo retelling di certo non potevo farmelo scappare. Ma leggere questo libro non è stata la lettura che mi aspettavo, perché sebbene racconti la stessa identica storia, non riesce a catturare fino in fondo lo spirito che c'è alla base dell'opera originale della Austen che è legato soprattutto all'epoca in cui la storia è ambientata.

La prima cosa che mi ha fatto storcere il naso è l'età delle "nuove" sorelle Bennett. Ora, io capisco che se ai tempi di Jane Austen una donna di 25 anni single non aveva prospettive, nel ventunesimo secolo questo ragionamento non va più bene e bisogna un po' alzare l'asta dell'età, ma forse proprio per il tipo di storia a cui si lega la cosa mi ha inizialmente disturbata. Ripensandoci ora a mente mooooolto fredda, in realtà mi rendo conto che la cosa ha perfettamente senso.
Dopo una prima parte in cui chi ha letto Orgoglio e Pregiudizio troverà un bel po' di ridondanza, allo scoccare delle cento pagine di riesce finalmente a entrare nel mood giusto e l'eco dell'opera originale ci accompagna per tutta la lettura, senza però dare fastidio sovrapponendo le sue immagini a quelle della nuova storia.

Parlando dei personaggi mi è piaciuto molto il modo in cui la Settinfeld è riuscita a renderli tutti perfettamente contemporanei tutti e a dargli anche una connotazione personale, qualcosa che le distingua (cosa di cui avevo trovato carente l'opera originale).
In realtà chi mi ha delusa di più sono proprio i due protagonisti Liz e Darcy. 
Lei che mantiene il suo stato di combattente per tutta la storia, soprattutto per quanto riguarda la sua famiglia, mi cade a terra e si fa calpestare quando si tratta del suo rapporto con Wickam. Dai, siamo seri: ce la vedete Elizabeth Bennett ad aspettare un uomo per dieci anni? Manco fossero Carrie e Big.
Darcy resta un po' a margine, di lui viene detto poco, giusto il necessario ai fini della storia. E se da un lato ho molto apprezzato il come viene gestito il loro rapporto, dall'altro ho avuto la sensazione di una certa forzatura, una sorta di fretta. Sono concorde con la scelta dell'essere "scopamici" perché nel 2013 (quando è ambientato il libro) è assolutamente realistica come cosa, ma sarebbe stato meglio se i sentimenti che a mano a mano nascono durante questi momenti fossero stati un po' più chiari, da parte di entrambi. Cavolo, quanto mi piacerebbe un "Orgoglio e Pregiudizio" ma dal pov di Darcy 😍


Allora lettori, cosa ne dite? Vi stuzzica abbastanza per dargli una chance? Io ammetto che ora ho una voglia matta di prendere in mano l'opera originale e rileggerla tutta d'un fiato!
Vi lascio qua sotto il calendario del Domino, mi raccomando fate un salto da tutte!




42 commenti:

  1. Ciao! Se vuoi leggere il pov di Darcy (ovviamente è una rivisitazione) ma io ho letto "Il diario di Mr.Darcy" di Amanda Grange e mi è piaciuto davvero tanto, mi ha tolto la curiosità di leggere la storia con gli occhi di Darcy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio mi stai aprendo un mondo! Grazie Grazie Grazie!

      Elimina
  2. Copertina voto 10+. Mi è piaciuta un sacco la tua recensione e credo proprio che inserirò questo libro tra le prossime letture.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima che ti sia piaciuta! La copertina piace molto anche a me, nonostante col libro c'entri poco xD

      Elimina
  3. Non lo so, c'è qualcosa che continua a non convincermi in questo romanzo! Ci devo pensare ancora un po' su!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va preso con le pinze, eh. Se hai letto l'originale e lo hai amato, non sperare di ritrovarcelo al 100%

      Elimina
  4. Io appartengo alla categoria che legge poco i Classici (praticamente niente XD) per cui non ho mai letto nemmeno l'originale.. forse questo consentirebbe di apprezzare meglio queste sorte di revival e far avvicinare i lettori all'opera a cui si ispirano? Boh ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente ti dico che se non avessi letto prima l'originale, il comportamento delle sorelle Bennett (di tutta la famiglia in realtà) lo avrei trovato davvero fastidioso perché poco coerente con la realtà in cui viviamo.
      Se posso permettermi un consiglio: non farti frenare dalla parola "classico", "Orgoglio e Pregiudizio" è una storia senza tempo e pur essendo scritto nel 1813 non soffre di "vecchiaia" nello stile narrativo. Certo, all'epoca il modo di parlare era diverso, ma è anche divertente!

      Elimina
  5. Mi incuriosiva già dalla copertina, ma dopo aver letto il tuo parere... Comunque bellissima l
    A tua recensione 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara, è sempre un piacere leggere queste cose <3

      Elimina
  6. Ink ciaoo eccomi qui! <3 Allooooora, questo libro mi attrae ...poi apro l'ipad e niente, scelgo sempre un altro libro XD Non lo so ma è più forte di me penso mi attragga quanto mi respinge e quindi resta lì nel limbo. Orgoglio e pregiudizio è orgoglio e pregiudizio non si nega. Per me di Darcy ce ne sono solo due (si quello di Bridget Jones lo includo) ci sarà posto per un terzo Darcy nella mia vita e nel mio cuore? Spero di poterti dare risposta affermativa e spero di riuscire a leggere presto questo libro per vincere ogni resistenza, non voglio rimanere col dubbio ^_^ un bacione mega gigante <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no Ely, questo Darcy non è proprio come l'originale, ma ci prova. Sai che io non ho idea di chi sia il Darcy di Bridget Jones?

      Elimina
  7. Eccomi all'appello anche io!! Ho recensito da poco questa lettura della Sittenfeld quindi sono ancora bella fresca e.e. Concordo con la ridondanza del romanzo (estenuante) e con la delusione data da Liz e Darcy >.<

    Così terribile è stata la lezione? :( L'unico consiglio che posso darti è quello di armarti di taaanta pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma più che altro ho fatto delle brutte figure perché era la prima lezione e il tipo si è messo a fare domande a random xD

      Elimina
  8. A me è piaciuto molto, l'ho trovato contemporaneo. Anche Liz, nel suo attendere, è credibile, perché lo fa in una situazione in cui può essere totalmente emancipata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, solo che io non ce la vedo Elizabeth Bennett ad aspettare un uomo dieci anni. Insomma lei sarebbe quella da "O lei o me!"

      Elimina
  9. Ciao Jessi! Finalmente sono riuscita a passare dal tuo bellissimo blog *-*
    Questo libro mi ispirava proprio perché si tratta di una rivisitazione in chiave moderna di un classico che amo alla follia, ma ora sono sempre più indecisa se buttarmi o meno in questa lettura >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai letto l'originale è più facile apprezzare quest'opera, anche se ovviamente non è ai livelli di quello della Austen!

      Elimina
  10. Ho visto questa copertina un sacco di volte, in giro, ma no avevo idea che si trattasse di un retelling di uno dei miei libri preferiti!
    Ora, mi incuriosisce.

    RispondiElimina
  11. Non sapevo dell'esistenza di questo libro, perciò grazie di avermene fatto conoscenza <3 Ma non credo lo leggerò mai, perchè ho amato troppo l'originale :D


    Hanna (La tana dei libri sconosciuti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dagli una chance invece! Ti potrebbe sorprendere!

      Elimina
  12. Avevo aspettative molto alte per questo libro per via del mio amore per la Austen e in particolare OeP. Ma alla fine non è che mi abbia fatto impazzire. Mi è piaciuto sì però mi aspettavo di meglio. Comunque esiste una serie col POV di Darcy ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh me lo hanno detto, devo proprio recuperarla!

      Elimina
  13. Che meraviglia questo blog e bellissima la recensione!!!

    RispondiElimina
  14. Conoscevo questo libro, ma non mi ci sono accostata perché non sono fan di Orgoglio e pregiudizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh è normale, non a tutti piacciono le stesse cose :)

      Elimina
  15. Ciao Ink, e nel mio Kindle da un bel po' XD, ma non trovo mai il momento adatto per leggerlo, spero di leggerlo al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ellaaaaaa xD Arriverà anche il suo momento. Sono convinta che ogni libro ci chiami a sé al momento giusto u.u

      Elimina
  16. Io dovrei prima rispolverare la Austen :D

    RispondiElimina
  17. Ok, all'inizio leggendo Bennet ho pensato "Che bello, hanno ripreso il cognome della famiglia di Orgoglio e Pregiudizio", poi leggendo la trama ho visto che tutti i nomi erano come il libro della Austen e anche tutti i personaggi e la storia. Poi ho capito perché xD Lo so, ho dovuto leggere tutta la trama per capire che era la versione moderna di Orgoglio e Pregiudizio. Per il resto ho letto la tua recensione (per la quale ti faccio i complimenti), ma non credo che leggerò mai questo libro. Amo da impazzire la storia di Jane Austen e ho paura che leggendo questo libro possa scattare qualcosa che mi possa portare ad odiare i personaggi. Voglio tenermi quella meravigliosa storia nella teca di vetro ancora per un po' xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti ^^ Comunque ti assicuro che non va a intaccare la bellezza dell'originale, anzi se possibile lo esalta di più!

      Elimina
  18. Ma che carina la versione moderna di Orgoglio e Pregiudizio! E poi sono troppo attratta dalle cover di Book me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò che a me la cover non fa impazzire, ma ne ho viste sicuramente di peggio.

      Elimina
  19. Io lo so, sono una voce fuori dal coro ma, quando leggo di "remake" di Orgoglio e pregiudizio, non sono proprio entusiasta. Non ce la faccio. Ho così amato il classico che ogni altra "edizione" mi fa storcere la bocca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ma non è un remake, per usare termini cinematografici potrebbe essere considerato un reboot xD Stessa storia, solo ambientata ai giorni nostri xD

      Elimina
  20. Un remake di Orgoglio e Pregiudizio? Non ne ero a conoscenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che remake lo definirei reboot xD

      Elimina