venerdì 30 settembre 2016

Recensione: La Ragazza Di Mezzanotte di Melissa Grey

Etichette: , , , ,
Recensione 


Buon venerdì inkers, come state? Felici che sia quasi weekend? Io ieri ho avuto la terza lezione di teoria per la patente e boh. No okay, per me che apprendo velocemente e quasi unicamente se ascolto una lezione sono molto utili. Certo, se l'insegnante non andasse come un treno, respirasse e permettesse quindi qualche domanda le cose andrebbero meglio.
Tra l'altro, non so se vi ricordate che circa due settimane fa avevo fatto tre colloqui in due giorni? Beh, tutti "è urgente, è urgente" e "ti facciamo sapere entro la settimana", solo una su tre si è fatta sentire - ieri - per confermarmi (come se non lo sapessi già) che non mi avevano presa.
Vabbè, la fortuna è cieca e la sfiga ci vede bene, lo dico sempre.

Ma veniamo a noi, perché in molti mi avete detto che aspettavate questa mia recensione e quindi ora che vi porto "La Ragazza di Mezzanotte" di Melissa Grey edito da Mondadori mi aspetto un sacco di commenti u.u

recensione review  Legend di Marie Lu
LA RAGAZZA DI MEZZANOTTE
Melissa Grey

recensione review Legend di Marie Lu

Editore: Mondadori
Prezzo: Rigido: 17,00€ Ebook non disponibile
Pagine: 372
Serie: The Girl At Midnight #01

Trama: Echo ha diciassette anni, è sveglia, indipendente e coraggiosa.
Da quando, ancora bambina, è scappata di casa, vive di furti e abita nella biblioteca pubblica di New York.
Qui ha conosciuto l'Ala, la veggente degli Avicen, una popolazione di uomini-uccello che vive segretamente nel sottosuolo di New York.
Da quel momento la sua vita è cambiata: Echo adesso viaggia attraverso il mondo intermedio, è in grado di usare la magia ed è coinvolta nella sanguinosa guerra degli Avicen contro i Drakharin.
E proprio a Echo viene affidato il compito di trovare l'uccello di fuoco, la creatura leggendaria che può mettere fine al secolare conflitto.
Ma le cose non sempre vanno come ci si aspetta, ed Echo dovrà mettere in discussione tutte le sue certezze.


RECENSIONE

Osservate bene la copertina di questo libro, riuscite a visualizzare la caduta delle piume? Il loro ruotare e scivolare giù lento e senza una direzione definita? La loro iridescenza, cangiante in base alla luce, che ipnotizza lo sguardo facendovi perdere la percezione di tutto il resto? Ecco, se riuscite a focalizzare l'immagine avrete anche il riassunto emozionale di questo libro.

Sapete quanto ho atteso questo libro, ve ne ho parlato nel "Waiting For... #06" e nel "This Week I Like... #08", ho ripetuto più e più volte che speravo nell'ebook - perché diciamocelo 17,00€ per un libro a scatola chiusa sono un furto -, ma niente. Alla fine l'ho ordinato in biblioteca. E, come vi ho detto nel "WWW #05" è stato proprio meglio così.
"La ragazza di mezzanotte" inizia col botto. Comincia con quella sensazione di appagamento iniziale che quasi nessun libro ha. Fin da subito Echo si dimostra una protagonista valida e l'autrice ci presenta tutti i personaggi del caso alternando il suo pov a quello degli altri pur mantenendo sempre la terza persona.

A differenza degli altri paranormal romance la nostra bella protagonista è già impegnata, ma ovviamente io non ho potuto fare a meno di tifare fin da subito per l'altro. No, tranquilli non c'è triangolo (quantomeno non in questo libro, non so nei prossimi).
Ogni personaggio è perfetto: ha la sua personalità precisa e pulita, identificabile senza ombra di dubbio. Certo, ammetto di aver trovato una certo ridondanza con Shaodowhunters: Caius, Dorian e Jasper mi hanno fatto una sorta di effetto eco con Jace, Alec e Magnus, mentre Tanith sembra quasi la versione femminile di Valentine... a buon intenditore poche parole, ma a parte questo mi chiedo veramente come la Grey possa aver sprecato dei personaggi così ben fatti.
Perché parlo di sprecare? Perché mentre tutta la parte iniziale è ben congegnata e costruita con una certa attenzione, seppure un po' veloce e molto poco approfondita (i miei occhi hanno subito preso la forma a cuoricino al sentir nominare Giappone e Kyoto), la seconda si perde via completamente. Si ha la sensazione che succedano millemila cose e invece non succede assolutamente nulla. Echo ad un certo punto diventa la Tris della situazione "Oddio, ho ucciso". Okay, ci sta essere sconvolte, ma da lì all'essere catatoniche... boh. Non credo che gli autori dovrebbero andare a impelagarsi con queste cose, dubito che loro stessi abbiano mai ucciso qualcuno, quindi come possono descrivere la sensazione che si prova dopo?
Più che un mix tra Shadowhunters e Il trono di spade, direi mix di Shadowhunters e Divergent e non dico di più perché se no vi spoilero tutto.

Arrivata alla fine mi sono trovata ad aspettarmi un'epica battaglia e invece una manciata di polvere magica e puff, tutto finito, siamo acciaccati, ma vivi.
E comunque mi chiedo ancora il perché la scelta degli Avicen (uccelli) contrapposti ai Drakahrin (draghi). Non riesco a capire il nesso tra le due specie.


Vabbè, come al solito le tre stelle sono una piaga per me perché per me hanno un valore positivo, ma nella recensione finisco solo per parlare delle cose negative. Okay, si compensano perché il 3 è un 50 e 50, però forse dovrei impegnarmi un po' di più a parlare anche delle cose belle.
Comunque, aspetto di leggere il secondo - se e quando uscirà - nella speranza che il tutto venga un po' tirato su.

Voi cosa ne dite? Lo avete già letto? Che impressione vi ha fatto?



Melissa Grey - The Girl at Midnight:
- 01. La ragazza di mezzanotte
- 02. The Shadow Hour (inedito, ma annunciato)
- 03. The Savage Dawn (inedito, sarà pubblicato a Giugno 2017 in patria)


20 commenti:

  1. Mi dispiace che ti abbia deluso, io su questo libro sono ancora abbastanza indecisa, inizialmente mi ispirava ma adesso non so bene se leggerlo o meno, ho paura anch'io di farmi aspettative troppo alte xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai, non è nemmeno troppo una delusione... è più... boh, una sensazione di "Meh". Non so spiegarla bene. Fossi in te aspetterei pareri anche sul secondo!

      Elimina
  2. Finalmenteeeee! Troppp strano che questo libro fosse osannato da tutti, doveva pur avere qualche difetto! Per fortuna sei corsa tu in nostro soccorso e ci hai illuminate U.U La tua recensione mi ha incuriosita, sopratutto quando dici che è un mix tra shadowhunters e divergent... mmm chissà che minestra avranno fatto xD
    Lo leggerò? Quando vincerò alla lotteria e potrò permettermi di comprare cartacei a scatola chiusa, sì, ma per adesso W la povertà xD.

    Vado a contare i miei spiccioli, ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io non mi fido mai, ma questo mi ispirava proprio a prescindere dai giudizi. E invece... speriamo in bene col prossimo.

      Elimina
  3. Inkkk, avevo messo tutte le mie speranze in questo libro -.-, ma dopo la tua recensione aspetterò un paio di mesi per comprarlo, ( nel frattempo aspetterò un miracolo dalla CE se, caso mai, vorrà pubblicarlo in ebook ), e andrà nel " dimenticatoio " XD...
    A presto
    Ella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta direttamente che esca il secondo e leggi qualche recensione anche su quello, è un bel libro ma con molto potenziale sprecato!

      Elimina
  4. Eccomi da te Ink questo libro ho voglia di leggerlo da quando è uscito, mi hai incuriosita parlando di un mix di distopici che ho amato. Insomma io e la distopia lo sai che camminiamo a braccetto, poi hai parlato del Giappone e di Kyoto, si insomma io voglio leggerlo questo libro, sono curiosa! Ovviamente ti terrò info sulla mia opinione, se hai info sulla pubblicazione del sequel fammi sapere eh ^_^ un mega smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma non rigirare le mie parole xD Non è assolutamente un distopico, ma l'atmosfera generale è molto da Divergent.

      Elimina
  5. Uhm, ok. E a me che era passata la voglia di leggerlo perché mi erano arrivate voci che fosse troppo simile a La chimera di Praga °-° forse dovrei preoccuparmi di altro piuttosto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh in effetti è una cosa che non ho scritto per paura di fare spoiler... c'è la questione dell'amore dalla vita passata tramite la magia, ma viene affrontato solo alla fine.

      Elimina
  6. Il dispotico non rientra nel mio genere però questo libro mi incuriosisce molto solo che sono sempre stata frenata dalla voglia di leggerlo. In giro poi ho letto di gente che l'ha amato e ora da te leggo un'altra versione e si, lo ammetto sono più indecisa di prima! Alla fine credo che ci penserò su ancora un pò prima di decidere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che devo modificare il post perché il mio pensiero viene mal interpretato xD Dicendo che sembra Divergent non intendo assolutamente la distopia, ma le sensazioni che dà!

      Elimina
  7. Mmmm non so, speravo qualcosa di meglio...appena mi arriva dalla biblio ti dirò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, infatti spero in qualcosa di meglio nel secondo.

      Elimina
  8. Oddio Jè da come ne parli la mia curiosità da una scala da 1 a 10 è decisamente 3... Penso che l'unica cosa che mi attrae per ora è la copertina AHAHAH
    Cioè posso rubartela? -> la fortuna è cieca e la sfiga ci vede bene
    ahahahahaha parole sante mia cara :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruba pure, io credo di averla sentita in un film XD

      Elimina
  9. Ciao Jessi! Questo libro inizialmente mi interessava molto, poi ho perso l'entusiasmo e le recensioni lette non mi hanno fatto tornare la voglia di leggerlo... Per ora non credo sarà una delle mie letture >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti ti conviene aspettare di vedere le opinioni circa il prossimo.

      Elimina
  10. Anche io l'ho letto e recensito. Non è che mi abbia entusiasmato molto però sicuramente leggerò il seguito per sapere come va a finire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì quello anche io, sono curiosissima!

      Elimina