martedì 17 ottobre 2017

Recensione: Intent di A.D. Justice


 Ink Magic English 


Buongiorno Inkers, come state? Io sono reduce dalla giornata di ieri a formazione e posso solo dire grazie alle mie compari di Telegram che alla sera sanno sempre come farmi ridere per girare al meglio una giornata pesante.
Oggi in ufficio arrivano i nuovi colleghi del tirocinio, chissà come saranno. Vi aggiornerò poi. Ora, invece, vi parlo della mia terza (o quarta, se si conta l'abbandono della Torre) lettura per la Rare Reading ChallengeIntent di A.D. Justice, titolo inedito qui in Italia.



TRAMA:
INTENT
AUTOCONCLUSIVO
A.D. Justice

⭐⭐⭐⭐

Editore: Autopubblicato
Prezzo: Cartaceo 15,78€ | Ebook 3,49€
Pagine:432
Data uscita: inedito in Italia
Genere: Contemporary Romance
Cuori prudenti. 
Orgoglio ferito. 
Tradimento devastante. 
Anime spezzate. 

Totali opposti intenzionati a non cedere, determinati a non provare nulla eppure incapaci di impedirlo. Finché il passato non riemerge con l'intento di rovinare tutto.
Imparare ad amare di nuovo vale la pena di correre il rischio?
Dopotutto, una vita senza amore è una vita che non vale la pena aver vissuto.

AUTOCONCLUSIVO


Ho aperto questo libro sapendo solo che era un contemporary romance e che aveva una bella copertina. La trama? In tutta onestà non l'ho letta.
Mi serviva un libro di quest'autrice da leggere per la RRC e ho trovato "Intent" su Goodreads che era autoconclusivo aveva un punteggio alto. E che dire? È un punteggio meritato al cento per cento perché proprio non mi aspettavo una storia così!

"Nel caso tu non l'abbia notato, tendo a essere un poco possessivo con ciò che considero mio." Dice con un sorriso, sapendo che io ricordo perfettamente quel giorno nel campo quando ero io quella nella sua proprietà che accarezzava il suo cavallo. "Per essere chiari, ti considero mia ora, e io sono tuo. Non sono mai riuscito bene in quella cosa dell'imparare a condividere le cose, e questo si applica definitivamente anche a te."

Come vi dicevo nel WWW#54, inizialmente sì, mi aveva ricordato quello della Steiner (qui la recensione), ma ci è voluto veramente poco perché cambiassi idea.
Innanzi tutto c'è da dire che Layne è una protagonista che mi è piaciuta molto. Ha i piedi per terra, sa quello che vuole - anche se forse lo vuole un po' troppo intensamente -, non si lagna e soprattutto non trae conclusioni affrettate basandosi su frasi sentite a metà e scene a cui non assiste interamente.
Anche Ace mi è piaciuto come protagonista maschile, non avevo mai letto storie su padri single e devo dire che ha un certo fascino - quanto meno sulla carta. Ciò che invece mi è piaciuto meno, di lui, è che come caratterizzazione resta piuttosto superficiale e decisamente stereotipato.

"Quando ho detto che ti amo, lo intendevo davvero. Certo che voglio che resti. Come potrei lasciarti andare? Ma allo stesso tempo, come posso lasciarti rinunciare a tutto ciò per cui hai lavorato?"
"Senza di te, tutto quello per cui ho lavorato per me non significa niente."

La storia è semplice, dolcissima e piena di amore familiare. Sa trasportare e scaldare il cuore. Sì, l'amore nasce in fretta, ma almeno non è un insta-love anche perché i due protagonisti si passano molto tempo insieme a conoscersi e a imparare a volersi bene prima definire ciò che provano. Anche se devo dire che perde qualche colpo nel finale con ciò che succede con Margot. L'impressione che ho avuto è che l'autrice abbia voluto infilarci troppa roba. La storia andava bene anche senza tutta quella parte.

Per quanto riguarda l'inglese non lo consiglierei come primo approccio alla lettura in lingua. Non è che sia difficile come linguaggio, ma in generale non è particolarmente scorrevole e rende faticosa la lettura anche a chi è abituato.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Che ne dite Inkers?
Sono sicura che è una storia che piacerebbe a molti di voi.
Spero che prima o poi, magari grazie al Rare, qualche editore porti questo libro in Italia.

10 commenti:

  1. Mi piacerebbe tanto che fosse pubblicato in Italia, vorrei proprio leggerlo! Speriamo nel potere del Rare ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio che il Rare dia il via all'arrivo di molte autrici!

      Elimina
  2. Mi accodo a Ely, speriamo bene!
    Io in lingua sono ancora lenta e quindi lo preferisco in italiano

    RispondiElimina
  3. Il libro sembra interessante, mi sa che lo terrò d'occhio!!! :)

    RispondiElimina
  4. Ehm ehm, già quando ho visto amore familiare... Mi sa che sto giro passo

    RispondiElimina
  5. Ciao! Ho nominato il tuo blog per il Blogger Recognition Award! Se vuoi, ti aspetto QUI. :)

    RispondiElimina

Da Non Perdere!