domenica 20 maggio 2018

Prossime Uscite dal 21 al 27 Maggio


 Prossime Uscite 


Buona sera Inkers e buona domenica, come state? Io sto avendo un weekend piuttosto difficile.
Come vi accennavo qualche giorno fa, venerdì ho iniziato il processo di formattazione e ripristino del pc prima di cedere e portarlo in assistenza.
Ieri le cose non sono andate proprio benissimo - ovvero il problema sembrava risolto e invece così non è stato - e ora non so se fare un nuovo tentativo, tanto i programmi comunque non li ho installati tutti, oppure arrendermi all'evidenza che devo buttare via un po' di soldi.
Comunque veniamo a noi, ed ecco la lista delle uscite in libreria ed e ebook dal 21 al 27 Maggio 2018!


Clicca qua per vedere la lista delle uscite in libreria ed e ebook dal 21 al 27 Maggio 2018!

0

venerdì 18 maggio 2018

Recensione: It Ain't Me, Babe di Tillie Cole


 Ink Magic English 


Buongiorno Inkers e buon venerdì, come state? Io oggi potrei stare meglio perché oggi pomeriggio mi tocca formattare il pc... niente di impossibile eh, solo un grande sbattimento. Più per il dover reinstallare tutto che non per la pulizia di per sé. *sigh*
Però non posso più rimandare ormai, sta davvero diventando inutilizzabile e questa è l'ultima spiaggia prima di portarlo in assistenza...
Comunque oggi, dato che Mercoledì me l'avete chiesto in tanti, vi porto la recensione di "It Ain't Me, Babe", un dark romance inedito di Tillie Cole, che mi ha conquistata.






TRAMA:
IT AIN'T ME, BABE
HADES HANGMAN #1
Tillie Cole

⭐⭐⭐⭐

Editore: Autopubblicato
Prezzo: Cartaceo 15,59€ | Ebook 3,75€
Pagine: 464
Data uscita: 27 Aprile 2014 (inedito in Italia)
Genere: Dark Romance

Peccare non è mai stato così bello... Un incontro fortuito. Un incontro che non sarebbe mai dovuto accadere.
Molti anni fa, due bambini provenienti da mondi completamente diversi, forgiarono una connessione, una fatale connessione, un legame indissolubile che avrebbe cambiato le loro vite per sempre...

Salome conosce solo un modo per vivere - sotto la regola del Profeta David. Nella comune che chiama casa, Salome non sa nulla della vita al di là della sua stretta fede, né della vita oltre il Recinto - la recinzione che la imprigiona, la tiene intrappolata in un ciclo infinito di sofferenza. Una vita che crede di essere destinata a condurre per sempre, finché un evento orribile la rende libera. Fuggendo dall'assoluta sicurezza di tutto ciò che ha sempre conosciuto, Salome viene spinta nel mondo esterno, un mondo spaventoso pieno di incertezze e peccati; tra le braccia protettive di una persona che credeva non avrebbe rivisto mai più.

River 'Styx' Nash sa una cosa per certo nella vita: è nato e cresciuto per indossare un chiodo. Cresciuto in un mondo turbolento di sesso, Harley e droghe, Styx, inaspettatamente, all'alba dei suoi ventisei anni, si ritrova a portar il pesante fardello di dover guidare gli Hades Hangman - per la gioia dei suoi rivali. Perseguitato da uno schiacciante ostacolo del linguaggio, Styx impara presto a trattare con i suoi nemici. Pugni forti, una mascella ferrea e l'uso sapiente della sua preziosa lama tedesca gli hanno procurato la spaventosa reputazione di un uomo che è meglio non fare arrabbiare nell'oscuro ambiente dei motociclisti fuorilegge.
Una reputazione che riesce a tenere la maggior parte delle persone lontano, molto lontano. 'Styx' ha una regola nella vita - non permettere mai a nessuno di avvicinarsi troppo. È una regola a cui è rimasto fedele per anni, almeno fino a quando una giovane donna viene trovata ferita nel suo covo... una donna che sembra stranamente familiare, una donna che chiaramente non appartiene al suo mondo, eppure una donna che è riluttante a lascia andare…

SERIE: HADES HANGMAN (INEDITA)
1. It Ain't Me, Babe
2. Heart Recaptured
3. Souls Unfractured
4. Deep Redemption
5. Damnable Grace
5,5. I Do, Babe
6. Crux Untamed
7. Darkness Embraced
8. Untitled
9. ---
10. ---


Vi dico fin da subito che se cercate un libro perfetto, questo titolo non fa per voi. È un dark romance, il che significa che è crudo, inverosimile e soprattutto romantico. E con romantico non intendo cuori e fiori, intendo che c'è amore. Non è la Sindrome di Stoccolma, ma è improbabile come sentimento, eppure c'è e va bene così.
Detto questo, procediamo.

You want someone good to take care of you. It ain’t me, babe.
----------
Vorrai una brava persona a prendersi cura di te. E quello non sono io, piccola.

Presa la decisione di non leggere più autrici nuove per il Rare, ma di recuperare titoli di autrici che ho già letto, la prima scelta è caduta inevitabilmente su Tillie Cole che mi aveva già conquistata con il suo "A thousand boy kisses" (ancora inedito al momento, ma arriverà entro Giugno in Italia. Trovate qui la mia recensione) e mi faceva l'occhiolino con la sua serie dark dalle copertine affascinanti.
Mi chiedevo come fosse possibile passare tra due generi così diversi per la stessa autrice e, ora che l'ho letto, ancora me lo chiedo perché Tillie Cole, non solo è bravissima con lo young adult, ma vi assicuro che fa un lavoro eccezionale anche con il dark.

At this precious moment in time, I did not care what he had done to those men, even if he had killed them. I lost part of my soul to darkness as these thoughts strayed across my mind. Because if Styx was damned to hell, so was I. I would follow him into the fire.
----------
In questo prezioso momento nel tempo, non mi importava cosa avesse fatto a quegli uomini, anche se li avesse uccisi. Perdevo parte della mia anima nell'oscurità mentre questi pensieri mi attraversavano mente. Perché se Styx era dannato all'Inferno, lo ero anch'io. Lo avrei seguito nel fuoco.

Prima di tutto c'è lo stile. All'inizio del libro ci viene fornita una sorta di dizionario dei termini specifici e tra questi ci sono anche termini di linguaggio coniati - o adoperati - apposta per dare un particolare stile parlato ai personaggi. Ci tengo a precisare questa cosa perché ho letto l'unica recensione italiana su Amazon a questo libro e la cosa veniva ampiamente criticata, facendomi venire il dubbio che le prime due pagine siano state saltate a piè pari. In questo dizionario iniziale, infatti, viene esplicitamente detto che "bitch" (quando usato dai motociclisti) non è inteso come  un insulto (sappiamo tutti cosa vuol dire, no?), ma viene usato semplicemente per indicare una donna.
La narrazione è a pov alternati, più o meno, e lo stile di scrittura apparentemente non è semplicissimo, ci sono moltissime contratture e il linguaggio, passatemi il termine, inventato dei motociclisti di sicuro non rende la cosa più semplice. Una volta letto il dizionario e i primi capitoli, però, si riesce a individuare lo stile di base della Cole (se si sono letti altri suoi libri) e il libro va che è una meraviglia.

“Then what?” Bull asked, the rest of the brothers readying to action.
I stood, held my fucked-up shoulder, and crunched it back into its socket, working out the cracks in my neck. "Then we go get my old lady back. I’m fixin’ to bring the wrath of Hades on the whole damn lotta the brainwashed, abusive cunts.”
----------
«E poi che si fa?» chiese Bull, il resto dei fratelli pronti a intervenire.
Mi alzai, tenendomi la spalla malmessa e forzandola a tornare in sede e facendo scrocchiare il collo. «Poi andiamo a riprenderci la mia signora. Porterò l'ira di Ade sull'intero sacco di malati bastardi.»

Per quanto riguarda i personaggi... adoro Styx e tutti i membri della Hades Hangmen. Le loro caratterizzazioni sono perfette. Sono criminali e non diventano brave persone solo perché si innamorano. Trafficano armi, droga e uccidono quando serve (anche per divertimento a volte). Ma sono leali. Verso il club, verso il loro capo, verso le loro donne.
Anche i villain fanno la loro bella figura: sono degli psicopatici che andrebbero menomati tutti senza anestesia e, vi giuro, ho fatto fatica a leggere almeno un paio di scene perché, anche se non c'era violenza diretta... le cose che venivano dette, quelle che venivano raccontate... mi davano i brividi.
L'unica pecca, sul fronte personaggi, è proprio Mae, la protagonista. Non perché non sia un bel personaggio, ma perché è ciò che non rende credibile questa storia che, per quanto sia palesemente un'opera di fantasia, resta - a tratti - fin troppo verosimile. Vedete, con il tipo di trauma che subisce lei, non credo che io riuscirei a farmi toccare - figurarsi entrare in intimità - da un uomo. Per quanto possa essere destinata a lui dal Fato stesso, ci metterei ben più di un mese a passare oltre su vent'anni di abusi. E, soprattutto, con un esercito come gli Hades Hangman alle spalle, io le mie sorelle sarei andate a riprendermele.

That connection that you cannot describe… that incandescent, instinctive knowledge that someone is meant solely for you. [...] Even if I have to spend the rest of my days here, at commune, nothing can change that, not even death itself.
----------
Quella connessione che non sai descrivere... quell'incandescente, istintiva consapevolezza che qualcuno è fatto solo e soltanto per te. [...] Anche se dovrò passare il resto dei miei giorni qui, nella comune, niente cambierà questa cosa, nemmeno la morte stessa.

Comunque, a parte questo neo, il libro merita senza se e senza ma. La storia è avvincente: ci sono sentimenti, c'è azione, c'è un plot twist che "I didin't see that coming" è un eufemismo e, soprattutto, ha un finale che incuriosisce all'inverosimile su ben tre personaggi e, ovviamente, non mi esimerò dal leggere i prossimi volumi a breve.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

L'avete chiesta ed è arrivata.
Cosa ne pensate?




5

giovedì 17 maggio 2018

Segnalazione | Amando il mio Angelo di Violet Haze


 Segnalazione 





TRAMA:
AMANDO IL MIO ANGELO
AUTOCONCLUSIVO
Violet Haze



Editore: Autopubblicato con BabelCube
Prezzo: Cartaceo --,--€ | Ebook 4,35€
Pagine: 385
Data uscita: 14 Aprile 2018
Genere: Contemporary Romance
L'unica cosa che Danita desidera è morire in pace, ma una decisione decisamente non lucida la porta ad affrontare l'unica persona che non avrebbe mai voluto rivedere: un uomo che farà qualsiasi cosa per non perderla di nuovo.
Quindici anni dopo la sparizione nel nulla della ragazza che amava, pur essendo felice di rivedere la sua Angel bella come lo è sempre stata, Ryker non può gioire nel vederla più persa che mai.
Quando una visita in ospedale rivela uno dei segreti di lei, Ryker avrà l'occasione di salvarla come non ha potuto fare tanti anni prima oppure sarà già troppo tardi?
Attenzione: contenuti e temi maturi ed esplici.

L'AUTRICE

Violet Haze è una grande fan del genere romance – sia da leggere che da scrivere. Madre autistica di un figlio (le è stata diagnosticata la sindrome di Asperger a ventisette anni), passa le sue giornate procrastinando e proteggendo suo figlio da se stesso mentre pretende di essere un supereroe.

ACQUISTA SUBITO!
Amazon
iTunes
Barnes & Nobles
Kobo






0

mercoledì 16 maggio 2018

W... W... W... Wednesday #84


 W...W...W... Wednesday 


Buongiorno Inkers e buon mercoledì, come state? Io sono in crisi cartacei. La mia lista si continua ad allungare, roba che non ho mai aggiunto tanti libri tutti in una volta alla lista dei libri fisici da comprare, ma lo spazio in camera si riduce a vista d'occhio, tant'è che ho pure riempito lo spazio che prima occupavano le cose di mio fratello quando ancora viveva qua.
Come faccio? Non è che posso smettere di comprare libri solo perché non ho mensole dove metterli. Voi come fate?
Intanto che io mi struggo (sembra una parolaccia) pensando a come riorganizzare le mie librerie per recuperare spazio, lascio a voi il W... W... W... Wednesday una rubrica settimanale ideata dal blog Should be Reading in cui si mostrano le letture appena concluse, in corso e quelle prossime.





What are you currently reading?

Come vedete la buddy read con Ely per la nostra prossima Twin Reviews di "Absence, l'altro volto del cielo" di Chiara Panzuti procede bene. Cioè, bene per quanto possibile, non ci stiamo capendo molto e, onestamente, al momento non siamo molto soddisfatte di come sta proseguendo. Ma siamo solo a metà, quindi c'è ancora tempo per cambiare idea.
Ieri sera, poi, ho preso in mano il mio cartaceo di "L'amore arriva sempre al momento sbagliato" di Brittainy C. Cherry per la prima rilettura. Ho bellissimi ricordi delle emozioni che mi aveva lasciato la prima lettura di questo libro (qui la recensione) e non vedo l'ora di vedere come andrà questo secondo giro. Potrei quasi farci una recensione 2.0!

🔹🔹🔹🔹🔹🔹


What did you recently finish reading?

Settimana ricchissima di belle letture quella che è appena trascorsa. Il primo libro che mi ha strappato il cuore questa settimana è stato "Il cerchio degli amanti" di J.R. Ward, undicesimo volume de La confraternita del pugnale nero, e... oh Qhuinn ♥ Sì, è vero, il libro non è stato come me lo aspettavo, è molto poco concentrato sulla coppia e molto su Qhuinn, oltre al fatto che apre le porte per le Ombre, Wrath, Assail e Xcor. E niente, sono innamorata e voglio andare avanti a leggere la serie che, per fortuna, ho già recuperato quasi tutta in cartaceo.
Dopo aver concluso la Ward, sono passata a "Per cinque minuti in più" di Victoria Sue, un urban fantasy m/m (recensito ieri qui) che mi ha sorpresa in positivo. Certo, la parte romance poteva essere fatta meglio, ma questo non mi impedirà di leggere il prossimo volume!
Finito l'm/m, mi sono buttata su un dark romance, inedito, di Tillie Colle "It ain't me, babe" - primo volume della serie Hades Hangmen - e gente, sto valutando se fare o meno la recensione perché è stata un'esperienza molto particolare. È il libro più crudo che abbia mai letto, ma è scritto talmente bene che l'ho inserito nella lista dei cartacei perché io devo averlo in libreria e leggerò sicuramente i volumi successivi.
Ultimi libri letti da mercoledì scorso sono stati "Il fuoco della redenzione" e "Il fuoco del coraggio" di Andrew Grey, m/m con protagonisti due pompieri facenti parte della stessa serie. Ora, io credevo che fossero romanzi fatti e finiti, invece quando ho aperto l'ebook mi sono accorta che erano dei racconti, delle novelle. Avendo così poche pagine, ovviamente è tutto molto affrettato nel raccontare la storia, ma devo dire che mi sono piaciuti abbastanza. I personaggi sono caratterizzati bene e anche le situazioni in cui si articolano i due volumi sono interessanti.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹


What do you think you'll reading next?

Ebbene no, non ho intenzione di leggere tutti questi libri da qui a mercoledì prossimo. Certo, se non andassi a lavorare tutta la settimana potrei anche farlo, ma invece mi tocca andare a guadagnare ilmio misero stipendio, perciò queste non sono altro che due coppie di ipotesi di letture.
"Us" di Sarina Bowen e Elle Kennedy è il secondo volume della dilogia Him (la recensione del primo volume qui). Ho amato profondamente il primo capitolo, che è già nella lista dei libri da comprare per il Rare, quindi sono curiosa di sapere se questo secondo volume sarà all'altezza del primo.
Insieme ad "Us" ho accoppiato "Gelo come Notte" di Sara Raasch che arriva dalla TBR di Aprile, dato che ho finalmente acquistato il cartaceo del libro.
La seconda coppia prevede il secondo volume della serie Hades Hangmen di Tillie Cole "Heart Recaptured" e il volume conclusivo della trilogia Again di Mona Kasten "Feel Again".
Avete consigli per me?

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

E voi che mi dite?
Come sono andate le vostre letture questa settimana?



9

martedì 15 maggio 2018

Recensione: Per cinque minuti in più di Victoria Sue


 Recensione 


Buongiorno Inkers e buon martedì, come state? È iniziata bene la vostra settimana? Ieri, parlando con Ely, mi sono accorta che ho in cantiere - quanto meno nella mia testa - tantissime rubriche e novità per il blog che, per un motivo o per l'altro (soprattutto la pigrizia), non hanno ancora visto la luce.
Un po' mi dispiace perché mi rendo conto che solo a recensioni potreste annoiarvi, anche perché alcune rubriche di quelle in cantiere sono convinta che vi faranno segnare le date sul calendario, però poi ci ho pensato e mi sono detta che non vale la pena affrettare le cose. Fra sette settimane il mio tirocinio finirà e, nell'attesa di trovare un nuovo lavoro, avrò tempo e modo di sviluppare tutto.
Oggi però torniamo dalle recensioni e vi parlo di "Per cinque minuti in più" di Victoria Sue edito da DreamsPinner Press, che ringrazio per la copia digitale omaggio.



TRAMA:
PER CINQUE MINUTI IN PIÙ
ENHANCED WORLD #1
Victoria Sue

⭐⭐⭐½

Editore: DreamsPinner Press
Prezzo: Cartaceo non disponibile | Ebook 5,89€
Pagine: 221
Data uscita: 15 Maggio 2018
Genere: Urban Fantasy, M/M
Fin dal momento della sua trasformazione in un umano potenziato, Talon Valdez sapeva che avrebbe dovuto dire addio alla sua vita e ai suoi sogni. Trattati con diffidenza, insultati, spesso rinchiusi, i potenziati sono visti come mostri, disprezzati dalla società e considerati inadatti a prestare servizio nell’esercito o nelle forze dell’ordine.
Anni più tardi, ha la possibilità di creare una task force di potenziati all’interno dell’FBI, ma a una condizione: ogni potenziato deve fare coppia con un essere umano normale.
Finn Mayer sogna di entrare nell’FBI da quando aveva quattordici anni e ha fatto qualsiasi sacrificio perché ciò avvenisse: ha sopportato di vivere con una madre egoista, con un fratello omofobo e bullo e di non avere un compagno. Soffre però di dislessia non diagnosticata e basta questo a frustrare le sue aspirazioni sul nascere. La sua ultima occasione è fare coppia con Talon, un potenziato con abilità letali, che però non vuole affidare i suoi segreti ai normali e che pertanto vuole vederlo fallire.
Quattro sono le settimane a disposizione di Finn per provare alla squadra quanto vale. Quattro le settimane perché la squadra dimostri al resto del mondo che può funzionare. E quando un altro gruppo minaccia il loro successo – mettendo a rischio le loro vite – sarà per quattro settimane che dovranno sopravvivere.

SERIE: ENHANCED WORLD
1. Per cinque minuti in più
2. Who We Truly Are (inedito)
3. Beneath This Mask (inedito)


Alzi la mano chi pensava che questo libro fosse come i Thirds.
Presente.
Alzi la mano chi, al primo capitolo, ha cambiato idea.
Presente.
Ebbene sì lettori miei, le mie impressioni date dalla trama non potevano essere più sbagliate, ma hey, questo non toglie assolutamente niente al libro di Victoria Sue che è una storia originale e decisamente soddisfacente.
Beh, più o meno.

È il tipico ragazzo dell’America rurale. Tranquillo. Educato. Appassionato. L’opinione pubblica lo avrebbe apprezzato.”
“Pensate a Capitan America prima di diventare un duro,” ridacchiò Vance.
“Quindi lo vuole solo per la stampa?” chiese Sawyer.
“No. Assolutamente no. Credo ancora fermamente che la collaborazione sia l’unica soluzione.”

La storia mi è piaciuta tantissimo. Sapete, no, che dicevo che mi sembrava un simil Thirds? Ecco, cancellate e barrate, perché più che ai Thirds, ci avviciniamo di più agli X-Men. E io adoro gli X-Men.
Ci troviamo in un mondo in cui i potenziati (coloro coi poteri, riconoscibili - tutti - da una macchia sotto l'occhio sinistro) sono temuti e tenuti a distanza. Non godono di alcun diritto umano e devono arrangiarsi come possono. Ed è qui che entra in gioco la squadra di Talon, un gruppo di militari potenziati e non, col compito di proteggere le persone, sia potenziate che non, per dimostrare che essere un potenziato non vuol dire, automaticamente, essere un pericolo.
L'intreccio si snocciola in modo fluido, sia da un punto di vista di dialoghi che si azione. Ci sono alcune scene che hanno dell'assurdo, ma del tipo che fa sorridere e spinge a volerne sapere di più.
C'è azione, c'è il mistero del poliziesco, c'è il paranormale dell'urban fantasy e c'è anche un worldbuilding piuttosto decente.

“Lo Stato li prende in custodia. Quelli che nessuno vuole. Quelli che vengono gettati via.” Finn sentì un bruciore agli occhi e sbatté le palpebre. Talon scosse la testa come se non credesse alle sue proprie parole. “È il motivo per cui questa unità deve funzionare. Dobbiamo dimostrare che non siamo bestie. Dobbiamo dimostrare che non dobbiamo essere rinchiusi. Potremmo iniziare un programma di solidarietà, andare persino nelle scuole.” Finn annullò la distanza tra loro. Voleva confortarlo, dimostrare a quell’uomo che soffriva così tanto che non tutti li condannavano. Senza pensarci, allungò una mano per toccargli la spalla, e l’altro sollevò il viso. Finn si bloccò. Qualcosa era cambiato.

Anche la caratterizzazione dei personaggi è molto ben fatta.
Tutti i personaggi sono singolari, hanno una storia e qualcosa che li caratterizza nel presente, e soprattutto: la squadra non è solo un contorno, ma è parte integrante della storia.
Ho adorato Gael e Vance e, durante la lettura, ho imparato ad apprezzare Sawyer e anche Eli che mi incuriosisce non poco.
Ma dei due protagonisti cosa vi posso dire?
Eh.
Finn e Talon... sono il tallone d'Achille di questo libro.
Se li prendiamo uno per uno sono perfetti: Talon è forte, restio a cedere alle sue convinzioni perché certo di star facendo la cosa giusta. Si è guadagnato la lealtà della sua squadra e farebbe di tutto per proteggerla. Ha un passato traumatico, ma quale potenziato non ce l'ha? Finn, d'altra parte, potrebbe avere l'etichetta #maiunagioia tatuata in fronte. È sfigato come pochi altri personaggi, ma in senso buono. È innocente - sotto tanti punti di vista - e talmente intelligente per riempirci pagine e pagine.
Quindi, qual è il loro problema, vi chiederete.
Il problema è che insieme, Talon e Finn, non funzionano. O meglio, come coppia mi piacciono tantissimo, ma sul lato rapporto uno a uno, la storia fa acqua. La loro relazione fin dall'inizio risulta esageratamente forzata. Vuoi che all'inizio sia solo sesso da attrazione fisica? Nessun problema, ma ci sono delle tappe - soprattutto considerando la condizione di Finn. Invece qui tutto scorre avanti veloce e ad un certo punto fa un passo indietro e rallenta, per poi passare alle dichiarazioni. E... no, non si fa così.
Quando leggo un m/m mi aspetto certe cose, una certa enfasi nelle scene di intimità e una certa peculiarità nei pensieri che distingue il genere dai soliti romance straight.

Sono però molto, molto curiosa di leggere i prossimi volumi perché voglio saperne di più sugli altri componenti della squadra e, soprattutto, perché voglio vedere come evolvono Finn e Talon.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

E ditemi macchiette di inchiostro mie, cosa ve ne pare?
Io spero che la DP ci porti presto gli altri due volumi!




3

lunedì 14 maggio 2018

Recensione: Gli Eroi Perduti, Le Mura di Cartavel di Simone Laudiero


 Recensione 


Buongiorno Inkers e buon lunedì, come state? Inizia bene la vostra settimana? Io ammetto che sarei tanto voluta andare al SalTo per prendere in super iper anteprima il seguito di Twizel (qui la recensione del primo volume), ma ahimè, le finanze sono quelle che sono e ho dovuto rinunciare.
In compenso, però, settimana scorsa ho terminato la lettura di "Gli Eroi Perduti, Le Mura di Cartavel" di Simone Laudiero edito Piemme - che ringrazio per la copia omaggio - quindi oggi parliamo proprio di questo!



TRAMA:
GLI EROI PERDUTI
LE MURA DI CARTAVEL
GLI EROI PERDUTI #1
Simone Laudiero

⭐⭐⭐

Editore: Piemme
Prezzo: Cartaceo 16,00€ | Ebook 6,99€
Pagine: 312
Data uscita: 17 Aprile 2018
Genere: Young Adult, Fantasy
C'è un canto che risuona da millenni nei paesi affacciati sulla Croce Azzurra. È Il lamento degli eroi perduti, i paladini che hanno sconfitto le creature venute dal mare dando origine all'Era degli Uomini.
Ora le stesse terre salvate dagli eroi sono sotto il dominio di una terribile potenza: Sarmora, che ha creato uno sterminato impero grazie all'itri, una sostanza capace di rendere invincibili in battaglia. Solo Cartavel separa Sarmora dalla conquista del grande mare di mezzo, eppure la città resiste, protetta dalle sua mura inespugnabili. Inutili sono gli assalti della flotta sarmoriana, che da due anni la cinge d'assedio e che ora ripone le sue ultime speranze nell'Isola di Ferro, la più spaventosa nave da guerra mai costruita. Quando il varo è alle porte, però, voci di un imminente sabotaggio minacciano la riuscita dell'impresa. Sarà la coraggiosa e ingenua Rovaine a doverlo sventare, in una missione in cui il suo destino si intreccerà a quello di altri inconsapevoli eroi: Ronac, indomita cercatrice di tesori, Sahon, saggio tutore del futuro sovrano, e il giovano Asul, che dovrà sfuggire alla morte per consegnare una lettera in grado di salvare il mondo. 

SERIE: GLI EROI PERDUTI
0,5. Ronac e Raila
1. Le mura di Cartavel
Altri libri a seguire (dovrebbero essere quattro/cinque in totale)


Finalmente posso parlarvi di questo libro. Non è una recensione semplice per me perché questo libro non è stato un viaggio piacevole al cento per cento.
Prima di tutto, c'è da dire che quando Piemme mi ha mandato il libro, non sapevo che ci fosse una novella prequel, così quando ho iniziato la lettura ho fatto un po' fatica.
Poi, però, all'incontro con l'autore (qui l'intervista), Simone ha detto che sarebbe stato meglio leggere prima quella, così ho messo da parte il libro, ho recuperato "Ronac e Raila" e mi sono messa a leggere.

La lettura della novella mi aveva messo in un mood completamente diverso da quello che era stato fino a quel momento mentre leggevo il volume principale.
La novella è leggera, frizzante e altamente coinvolgente. C'è mistero, c'è avventura, e si vede il profilo di quella che sarà la forma definitiva di una protagonista con i contra fiocchi.
Così, a lettura terminata, ho ripreso in mano "Le mura di Cartavel" con una nuova luce negli occhi.
Peccato che la fiamma si sia spenta in brevissimo tempo.
Vedete, come ogni epic fantasy di successo, anche "Gli eroi perduti" è scritto alternando i pov di personaggi sparsi per il mondo e questa è una costa che mi destabilizza e, a lungo andare, mi annoia. Mi è successo pure con "Game of Thrones", fate un po' voi.

 Dove siete? Mi avete lasciata sola?
 Mi avete seppellita qui, sotto ogni pietra che conoscevate,
 perché gli uomini attraversassero il mondo senza disturbarmi,
 come l’acqua che scorre sulla scala bianca.
 Per quanto tempo ancora credete che resterò quaggiù?
 Per quanto credete che dovrò sopportare la vostra mancanza?
 Io sono nata perché il mondo sia tratto in salvo,
 ma se voi non siete qui chi mi scaglierà nelle tenebre?
 Tornate adesso, uno di voi che abbia il coraggio,
 almeno uno venga fin quaggiù a prendermi,
 non c’è più luce ma l’amore che ci lega vi mostrerà la strada.
 Scendete da me, e fatemi brillare ancora.
 Tornate, Eroi Perduti

I personaggi sono caratterizzati benissimo, le parti descrittive sono tante, ma non sono pesanti perché, paradossalmente, le parti più lente sono quelle in cui i personaggi riflettono su dei flashback. Ho adorato il worldbuilding dall'ambientazione al culto religioso, alle fazioni e le differenze fra i popoli.
Però non sono riuscita a legarmi a nessun personaggio, nemmeno alla protagonista, e questo perché c'è veramente tantissimo in questo libro.
Apparentemente, mentre si legge, sembra che succeda poco e nulla, ma a mente lucida - dopo la fine del libro - ci si accorge che, invece, la storia copre tutti e quattro i bracci del mare, e non è cosa da poco.
L'intreccio è complesso, ma rientra perfettamente nel genere avventura e sì, come serie tv sarebbe davvero un'idea geniale.
La protagonista, Ronac, non è la solita eroina con tutte le risposte e tutte le carte vincenti, no, lei deve sudarsela anche la più piccola delle vittorie.

Ho apprezzato tantissimo il modo in cui viene inserito un linguaggio proprio dei luoghi, non tanto una lingua diversa, quasi più un dialetto. E, da lodare, è la scelta di inserire orientamenti sessuali non convenzionali, come se non vivessimo in un mondo in cui due donne o due uomini che si amano vengono indicati come diversi.
Non fraintendete, ora tutti andrete a pensare "Oddio no, è un mm/ff". No, non è così. Come in ogni libro del ventunesimo secolo ci sono personaggi con orientamenti diversi, ma la cosa che lodo è la naturalezza con cui viene trattato l'argomento.

«Pensa al passo che stai facendo, non a quello prima, non a quello dopo, e non cadrai mai.»

Alla fine della fiera, direi che se il libro fosse stato scritto tutto dal pov di Ronac, la protagonista, ne avrebbe giovato molto di più perché sono le sue scene quelle che tengono viva l'attenzione. Sarà che lei è il cuore del libro?
In compenso, sono molto curiosa di leggere il seguito perché la fine di questo volume mi ha lasciata proprio a bocca aperta.

P.S. Se avete intenzione di leggere il libro, la novella leggetela DOPO perché per quanto mi riguarda è stata un gigantesco spoiler ambulante xD

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Che ve ne pare lettori?
Sapete che con le recensioni a tre stelle io faccio fatica,
questo libro merita, ma diciamo che bisogna essere avvezzi al genere.




3