giovedì 9 novembre 2017

Recensione: Il Viandante di Jane Harvey-Berrick


 Recensione 


Buongiorno Inkers *yaaaaaawn* come state? Io ho sonnissimo. Sarei dovuta rimanere a lavorare a casa oggi, ma ovviamente qualcosa mi ha richiamata in ufficio. Povera me, è così bello alzarsi mezz'ora prima di iniziare a lavorare.
Mentre io sono in ufficio a stampare e mandare email, vi lascio in compagnia della mia recensione di una delle ultime uscite targate Delrai Edizioni: Il Viandante di Jane Harvey-Berrick.



TRAMA:
IL VIANDANTE
TRAVELING #1
Jane Harvey-Berrick

⭐⭐⭐⭐

Editore: Delrai Edizioni
Prezzo: Cartaceo 16,50€ | Ebook 3,99€
Pagine: 320
Data uscita: 25 Ottobre 2017
Genere: Contemporary Romance
Aimee ha dieci anni quando la sua strada incrocia quella di Kes, abile ragazzino circense, e scopre così la magia del circo. Lui è tutto ciò che lei non sarà mai: libero, felice e senza paura. Sono sufficienti due settimane all’anno per unire i due giovani, e la loro amicizia si trasforma pian piano in qualcosa di più profondo, intrinseco, ma anche molto pericoloso. Aimee infatti sa che Kes non potrà mai fermarsi in un solo luogo e che il suo cuore è destinato a seguirlo in capo al mondo pur di stare con lui.
Il sentimento dei ragazzi spaventa entrambe le famiglie, perché motore di comportamenti impulsivi e illogici. Ma Aimee non vuole rinunciare all’amore per Kes, e lui sa che nessuna lo conosce quanto lei. Lottare, però, non è facile quando a volersi unire sono due mondi tanto distanti tra loro e per Aimee e Kes la vita sembra diventare impossibile nell’attesa dell’altro.

SERIE: TRAVELING
1. Il Viandante
2. La Viandante (in uscita il 28 Dicembre 2017)
3. Roustabout (inedito)


E alla fine è arrivato anche il mio turno di parlare di questo libro.
Devo dire che avevo aspettative altissime e forse, in questo caso, il mio entusiasmo di partenza mi ha un po' rovinato il mood.
Ma andiamo con ordine.

"Il viandante" si presenta fin da subito con un'ambientazione diversa, con qualcosa a cui non siamo abituati: ovvero il mondo circense. E non solo perché a fare da sfondo a questa storia ci sono tendoni e acrobati, no. La cosa speciale è che ci fa vivere il circo dall'interno, attraverso i suoi stessi protagonisti che lo vivono e lo respirano. Personaggi per cui questo è uno stile di vita e non un momento di svago.
È curioso. Affascinante.
Ti fa venire voglia di esplorare e di saperne sempre di più.

Io faccio errori e me ne vado. Lo faccio da sempre. Io me ne vado e lo stesso fanno le altre persone. Tu sei la prima che in tutta la mia vita, ha insistito per rimanere al mio fianco. Ma sei stata portata via da me. Ora che sei tornata stai cercando di andartene e, cazzo, mi fa male!

La storia è raccontata tutta da Aimee, la protagonista, la cui storia inizia il giorno del suo decimo compleanno con l'incontro inaspettato con Kes.
Kes che mi ha stregata, da un certo punto di vista. Ero lì che volevo scoprire molte più cose di lui e del suo passato e del perché è così. Quel suo tratto di crudeltà verso tutti tranne che verso Aimee mi ha stuzzicata per tutto il tempo e continuavo a macinare una pagina dietro l'altra come se il libro non mi si stesse assottigliando tra le mani.
Kes e Aimee non potrebbero essere più diversi, e non solo per il contesto in cui vivono e crescono, ma anche per il tipo stesso di persone che sono da bambini e che diventano crescendo nel corso del tempo.
I personaggi secondari sono caratteri puliti e limpidi. Ruoli e personalità sono cristallini in loro.

"Ho la netta sensazione che ti sia piaciuto."
"No, perché l'hai fatto davanti a un pubblico" protestai. "Non dovevi farti vedere da un gruppo di estranei!"
Kes scosse il capo. "Non sono estranei; sono la mia famiglia."
"La tua famiglia, sì. Ma sono estranei per me."
"Tu non hai capito. Tu sei con me e questo li rende anche la tua famiglia."

Lo stile della Berrick ha quel qualcosa di dinamico, che ti da sempre la sensazione di movimento. Anche lo scorrere del tempo è quasi palpabile. Però c'è una cosa che non mi ha convinta; ed è la traduzione.
No, non fraintendete, non è fatta male, anzi, ma con tutto che so perfettamente che tradurre non è una scienza esatta, la sensazione che ho avuto è quella di star avendo a che fare con qualcuno di inesperto. Il vocabolario è semplice, quasi troppo letterale in alcuni punti, il che non è necessariamente una cosa negativa, però per quanto riguarda me non mi ha fatto apprezzare la lettura fino in fondo; motivo per cui non prende il punteggio pieno.

In conclusione posso solo dirvi che sto contando i giorni da qui al 28 Dicembre perché non vedo l'ora di leggere la conclusione della storia di Kes e Aimee che in questo volume si chiude con un cliffhanger che non mi aspettavo proprio!


🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Che ve ne pare lettori?
Darete una possibilità a Jane Harvey-Berrick?
Io fossi in voi lo farei!


15 commenti:

  1. Eccomi Ink buondìì, domani sarà online anche la mia recensione ma già lo sai che anche io ho notato questo "problemino" con la traduzione. Ovviamente però aspetto la pubblicazione de La Viandante per fiondarmici sopra, con un finale del genere sarebbe impossibile il contrario <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh mi sa che siamo le uniche che lo hanno notato. Ho letto diverse recensioni ma nessuna ne parla

      Elimina
  2. Questo libro mi incuriosisce sempre di più

    RispondiElimina
  3. Non mi convince molto.. Dopo "Il circo della notte" nessun altro libro su questo tema potrebbe prendermi mi sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho letto il libro di cui parli, tieni conto che questo è un romance nè più nè meno.

      Elimina
  4. Questo libro mi incuriosiva tantissimo ma speravo che fosse auto-conclusivo! Il fatto che è una trilogia mi frena un pochino perché ho il "terrore" che la cosa si perda un po' per strada, ma li darò una possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti consola il terzo parla di un personaggio diverso. La storia di Aimee e Kes si chiude nel secondo!

      Elimina
  5. L'ho ordinato e mi arriverà tra pochi giorni... e non vedo l'ora perché mi sono innamorata dell'estratto che ho scaricato da Amazon *o*
    Peccato che la traduzione non ti abbia convinta del tutto >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere tu cosa ne pensi, so di non essere stata l'unica a notarlo...

      Elimina