martedì 13 febbraio 2018

Recensione: Sweet, una dolce conquista di J. Daniels


 Demolition Book Derby 


Buongiorno Inkers e buon martedì, come state? Io oggi sono di nuovo a casa dall'ufficio, telelavoro, perché il boss aveva dei giri da fare e io alle tre devo andare dal dentista. Che palle.
Non ho niente contro l'andare dal dentista, davvero, ma so già che mi annoierò e uscirà da lì con la sensazione di aver sprecato del tempo che potevo dedicare alla lettura.
Comunque, veniamo a noi, perché oggi - come vi avevo preannunciato nel WWW#70 - è giornata di Demolition Book Derby e il protagonista è: "Sweet, una dolce conquista" di J. Daniels edito da Always Publishing.



TRAMA:
SWEET, UNA DOLCE CONQUISTA
SWEET ADDICTION #1
J. Daniels

⭐⭐

Editore: Always Publishing
Prezzo: Cartaceo 13,90€ | Ebook 5,99€
Pagine: 279
Data uscita: 25 Gennaio 2018
Genere: Contemporary Romance
Cosa succede quando una pasticciera tutto pepe incrocia sul suo cammino il contabile più sexy di tutta Chicago? Le scappatelle ai matrimoni non portano mai a nulla di buono, soprattutto se il matrimonio è quello di un ex-fdanzato. Chi indugia in questo vizioso passatempo conosce le regole. Entra. Rimorchia. Esci. Nessuna aspettativa di una relazione. Solo sconcio sesso da matrimonio. Dylan Sparks conosce il protocollo. E anche se sperimenta il miglior sesso della sua vita con un perfetto sconosciuto mortalmente affascinante, è assolutamente decisa a mettere la parola fine alla loro avventura insieme con la serata. Quello che Dylan non immagina è che a Reese Carrol delle regole non importa nulla. Lui vuole più che una sola notte, e sa di essere troppo irresistibile perché Dylan si lasci sfuggire quest'occasione. Reese non vorrebbe mai lasciarla andare. Dylan è decisa a proteggere il suo cuore. Chi avrà la meglio in questa dolce dipendenza, combattuta a colpi di ironiche battaglie e tregue bollenti?

SERIE: SWEET ADDICTION
1. Sweet, una dolce conquista
2. Sweet Possession (inedito)
3. Sweet Obsession (inedito)



No. No. No. E. No.
Da dove comincio?
Comincio dal fatto che se fossi una persona un po' più str farei il mio primo reso di ebook ad Amazon?
Parliamoci chiaro: io non mi aspetto una Gabaldon, una Cherry o una Phillips in ogni libro romance che leggo, ma mi aspetto un certo grado di intrattenimento mentre macino pagine su pagine, e mi urta arrivare alla fine di un libro con la sensazione che sia stato una grandissima perdita di tempo.

La prima cosa con cui questo libro fa il suo passo falso è il genere: lo spacciano per contemporary romance perché i protagonisti sono troppo grandi perché il libro rientri nel new adult, ma le scene erotiche - pur essendo tante - non sono così affascinanti da poter etichettare il romanzo come erotic romance.

Dimmi che non lo hai mai fatto prima» sussurro, e vedo i suoi occhi dilatarsi sopra di me. «Che non hai mai fatto l’amore con nessuna, tranne me».
Non c’è esitazione nella sua risposta. «Mai. Ci sei solo tu, Dylan. Solo tu». Afferro il suo viso e porto le sue labbra sulle mie. I nostri gemiti sono attutiti dalle nostre bocche, una contro l’altra, e dalla musica che risuona intorno a noi.
Il suo respiro si fa più affannoso, mentre mi afferra le mani e le porta ai lati del mio viso per poi intrecciare le dita alle mie. Amo quando fa questa cosa con le mie mani. È una mossa così da fidanzato

Dylan è quel tipo di protagonista che vive di seghe mentali. Fa eterni discorsi con se stessa, parla - con se stessa e con gli amici - solo ed esclusivamente di sesso e, in più, lo fa con una volgarità che decisamente non si adatta al suo personaggio. Bella come il sole, ovviamente ne è totalmente inconsapevole e pensa di non essere mai all'altezza. Ascolta sempre e solo una campana, non chiede mai spiegazioni e trae conclusioni sbagliate (ne dubitavate?), creando situazioni imbarazzanti che la vedono dispensatrice di schiaffi.
Certo, potrebbe far ridere all'inizio, ma a lungo andare, per tutta la storia, questi pseudo siparietti che dovrebbero far ridere, a me hanno lasciato solo tanta apatia.

Reese non mi ha nemmeno fatta scaldare. Non pretendo di eccitarmi - anche se, se un libro è scritto bene, è più che gradito che avvenga -, ma almeno dire "Hey, bella scena!". No. Niente. Ma proprio zero. Cioè, vi pare possibile? C'è una scena di sesso ogni cinque pagine circa e non ce n'è stata una che mi abbia coinvolta. Ma poi dico, servivano davvero tutte quelle scene di sesso?
Tra l'altro, non commento il fatto che lui si ecciti quando lei lo schiaffeggia perché oltre a essere malsano, poi mi porta a parlare del fatto che se invece di comportarsi da schizofrenico, lui avesse dato voce ai suoi pensieri, Dylan si sarebbe fatta meno viaggi psichedelici e il libro sarebbe finito un po' prima.

«Quindi vuoi ancora tutto questo?»
Abbandona la testa indietro, che colpisce la spalliera con un sonoro tonfo. «Sì, qualsiasi cazzo di cosa sia, la voglio ancora. Sei tu che hai il controllo qui, Dylan. Sei tu che hai tutto il controllo, cazzo». I suoi occhi ardono nei miei, con la stessa intensità che hanno sempre mostrato per me.
Ho io il controllo? E di cosa? Di noi? Decido di non indagare, perché non sono sicura di voler conoscere la risposta. Lui caccia un sospiro forzato che mi riscalda il viso. «Se stasera ti fosse successo qualcosa…» chiude gli occhi con forza e l’increspatura appare sul suo sopracciglio.
Oh, Reese. Gli sbalzi d’umore di quest’uomo sono capaci di causarmi un torcicollo perenne. «Non è successo niente. Sto bene. Ti ho chiamato e tu sei venuto da me». 

Volevo evitare di parlare dell'insta-love, perché volendo avrei potuto passarci sopra. Ma poi, prima ancora della protagonista che ci mette ben dieci giorni a innamorarsi, c'è l'amico gay che si innamora e va a convivere in una sola settimana. Seriously?

Ah, e non dimentichiamo la ex, di lui, psicopatica e l'ex, di lei, stalker.

Ciò che salva questo libro dal ricevere solo una stella è il fatto che, grossomodo, si fa leggere bene, anche se c'è comunque di meglio anche da quel punto di vista.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

E niente, eccoci qui.
So per certo di non essere stata l'unica persona al mondo a trovare questi difetti nel libro,
perciò un po' mi consolo.
Certo, avrei preferito leggere altro nel frattempo.

17 commenti:

  1. Lei la prenderei a schiaffi solo leggendo le citazioni.
    Cioè, 279 pagine di seghe mentali anche no.

    RispondiElimina
  2. AHAHAHAHAH
    Non avrei mai letto un libro del genere, ne sto alla larga, ma leggere la tua recensione mi ha fatto morire dal ridere XD
    Odio una protagonista così e pure un protagonista. Ancora una volta sono piuttosto felice di non avvicinarmi a certe cose :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma avrebbe pure potuto essere divertente se gestito diversamente. Di solito mi piacciono questo tipo di libri.

      Elimina
  3. Anch'io odio perdere tempo quando si parla di libri! E comunque grazie per donarci sempre risate con il DBD, crepo ogni volta

    RispondiElimina
  4. Ero curiosa di leggere questo post da quando l'hai detto in chat e adoro sempre più questa rubrica ah ah
    Decisamente non mi convinceva ma ora ancora meno, mamma mia immagino come ti sei sentita mentre proseguivi la lettura fortuna che si fa leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti, quello è il suo unico pregio per quanto mi riguarda!

      Elimina
  5. Ero proprio curiosa riguardo a questo libro. So cosa aspettarmi almeno (ma non credo che lo leggerò)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre dell'idea che bisogna farsi le proprie opinioni, quindi se vuoi leggerlo fai solo bene!

      Elimina
  6. AHAHAH ok, peggio di come immaginavo!

    RispondiElimina
  7. Io l'ho letto e mi è piaciuto. Credo che per quanto se ne è parlato e per le recensioni in giro, chi decide di leggerlo, sa perfettamente a tipo di lettura va incontro. Una fresca commedia leggera, molto sexy e divertente. Se poi lo leggi comunque aspettandoti altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto questo libro aspettandomi un contemporary romance divertente e fresco, come dici tu, ma mi sono trovata davanti a un new adult (mascherato da Cont.Rom. per via dell'età dei personaggi) le cui scene divertenti non mi hanno assolutamente fatto ridere, tutt'altro.
      Non è che perché un libro è divertente e leggero vuol dire che non ha peso. Io adoro i libri che mi fanno ridere, questo non ci è riuscito.

      Elimina
    2. Fermo restando che il libro possa non piacere, a mio avviso il discorso genere non regge. Il new adult oltre a essere caratterizzato da protagonisti di una determinata fascia d’età si focalizza su problematiche peculiari dell’età pre-lavoro e sono per la maggioranza ambientati al college. Quando siamo dinanzi a due protagonisti ultra ventenni (26 anni lei e 31 lui) già palesemente realizzati nel mondo del lavoro, penso che il libro possa inserirsi tranquillamente (e senza ombra di dubbio) nei contemporary romance. Anche perché seguendo la tua logica anche Cinquanta sfumature sarebbe un new adult e non un erotic romance.

      Elimina
    3. Infatti ho specificato che io lo considero un "NA mascherato da Cont. Rom." proprio per il fattore età. Tant'è che all'inizio della recensione ho anche detto che se le scene "hot" fossero state improntate meglio sarebbe potuto tranquillamente essere catalogato come erotico vista la quantità di scene di questo tipo che normalmente non hanno così tanto spazio in un Contemporary Romance.
      Il NA non è tale solo per l'età dei personaggi, ma anche dei contenuti che porta, come dici tu e una delle varie cose che li caratterizza è la presenza di scene di sesso a destra e a manca.

      Non ho mai detto che questo libro non è un contemporary romance, ho detto che per via dell'età viene passato come tale perché se i protagonisti fossero stati più giovani sarebbe stato un NA e se avesse avuto scene erotiche scritte meglio sarebbe stato un erotic romance. Fine.

      Tanto più che, comunque, a parte l'erotico, i generi Contemporary Romance e New Adult tecnicamente non esistono, sono etichette aggiuntive che identificano un libro come potrebbero esserlo le etichette "tatuaggi" e "finale aperto" che aggiungo sotto.
      È una questione di percezione, non di standard. C'è chi dice che Paper Princess è Young Adult perché i protagonisti non sono maggiorenni, c'è chi dice che New Adult per le tematiche che propone. Chi ha ragione? Non c'è un'etichetta veritiera. C'è Narrativa Rosa o Narrativa per Ragazzi in base alla libreria che lo vende.

      Se una mia amica a cui piacciono i libri della Cherry, mi chiedesse se questo libro le piacerebbe dato che è dello stesso genere di quelli della Cherry (Contemporary Romance) le direi di no, perché l'impronta di questo libro, per quanto possa essere divertente per alcuni, è tipicamente New Adult (non dico erotica perché mi sembra comunque eccessivo).

      Spero di essermi spiegata meglio.

      Elimina
    4. Va bene. Grazie.

      Elimina