lunedì 22 agosto 2016

Recensione: Cenerentola Pop di Paula Pimenta

Etichette: , , , , , , , ,
Recensione 

Buon inizio settimana inkers! Cominciato bene questo lunedì? Se la risposta è no spero che con questa recensione la vostra giornata possa migliorare perché da questo momento prende il via la mia "Reviews' Week"!
Prima di procedere, però, vi chiedo un piccolo favore: qui in alto a sinistra, nella sidebar, c'è un piccolo sondaggio a cui vorrei che rispondeste. Dovete solo scegliere una delle due opzioni e cliccare vota, non serve nient'altro! Il sondaggio è per decidere come impostare la nuova rubrica che inizierà a Settembre (quando ancora non lo so con esattezza, credo intorno alla metà del mese) e quindi la vostra opinione è essenziale!

Ma bando alle ciance e proseguiamo con la recensione di oggi in cui vi parlerò di "Cenerentola Pop" di Paula Pimenta, edito da Electa Young.

recensione review Cenerentola Pop di Paula Pimenta
CENERENTOLA POP
Paula Pimenta

recensione review Cenerentola Pop di Paula Pimenta

Editore: Mondadori Electa Young
Prezzo: Rigido 16,90€ Ebook 6,99€
Pagine: 163
Serie: Autoconclusivo

Trama: Fredy Prince è il cantante più famoso tra le adolescenti: tutte ne parlano, tutte lo desiderano, ma per fare breccia nel suo cuore non basta certo presentarsi a un suo concerto con indosso un abito da principessa. Durante una festa, Fredy fa la conoscenza di Cintia, una ragazza acqua e sapone con la passione per la musica che dopo la scuola lavora come dj. Poche parole e tra i due scocca la scintilla, ma Cintia a mezzanotte deve lasciare la festa, e le strade dei due ragazzi sembrano destinate a dividersi per sempre. Finché spuntano una scarpa abbandonata e alcuni post sul profilo Twitter di Fredy, pronto a tutto pur di ritrovare la sua Cenerentola pop. Tra sorellastre invidiose, una perfida matrigna e un padre severo, per la povera Cintia non sarà facile incontrare di nuovo il suo principe azzurro, ma a volte i sogni si realizzano e la vita può assumere i contorni di una favola bellissima… Con ironia e leggerezza, Cenerentola pop riscrive una delle fiabe più famose di sempre e la fa rivivere ai giorni nostri, in un mondo dove i principi sono pop star osannate e le principesse dj in erba che non indossano scarpette di cristallo, ma semplici scarpe da ginnastica. Perché i tempi cambiano, ma la magia di una storia rimarrà per sempre la stessa.


RECENSIONE

Non so se da quando ho aperto il blog ve l'ho mai detto, ma a parte la mia sfegatata passione per "La Bella e la Bestia" io amo tutte le fiabe: sono una parte importantissima della mia infanzia e non ci rinuncerei per niente al mondo.
Se siete un pochino come me capirete senza difficoltà il mio profondo amore per i retelling e Cenerentola Pop è proprio uno di questi (ma dai?! xD)

La storia è quella classica di Cenerentola, con tanto di perdita della scarpetta e ricerca disperata da parte del principe, ambientata ai giorni nostri con tanto di battaglie sui Social.
Di mio non sono una fan della storia di Cenerentola, ho sempre pensato che la bella Cenerella avrebbe potuto mollare baracca e burattini e andare a fare la cameriera altrove se proprio la principessa non la poteva fare, e forse è proprio per questo che ho apprezzato così tanto la storia ideata da Paula Pimenta. Cintia non è la classica principessa che aspetta di essere salvata, lei si dà da fare e cerca di tenere in piedi la sua vita un po' sconnessa al meglio che può senza lasciarsi trasportare dagli eventi. 
Il principe di turno... beh, diciamo che è un po' un cliché. In quante storie abbiamo trovato il cantante famoso che le protagoniste pensano sia un principe sul pisello (perdonate il gioco di parole xD) e poi invece si dimostra un normalissimo ragazzo che sa essere pure intelligente e divertente? (un esempio lo si trova nel libro "The Heartbreakers" di Ali Novak - che ho recensito, e amato, qui). Ma in fondo, se non avesse qualcosa di già visto, non sarebbe una fiaba, no?
Non mancherà nemmeno la fata madrina, non temete! In questa veste è spaccata in due: un po' fa le veci della zia, un po' quelle della mamma, un po' quelle della migliore amica, che poi se ci pensiamo è proprio il suo ruolo quello di essere una leale confidente con uno spiccato senso materno.

In meno di duecento pagine, Paula Pimenta riesce a far battere il cuore di noi anime sognatrici, di noi che crediamo nel lieto fine fino all'ultimo anche se poi nella vita vera siamo un po' più ciniche di quello che vorremmo.
Non è un libro da medaglia d'oro (paragone dovuto, visto la fine - ieri - delle Olimpiadi), ma se volete staccare e sognare un pochino, trovare un attimo di respiro tra una serie di letture difficili, o semplicemente fare una pausa dal lavoro, allora è il libro giusto!


10 commenti:

  1. La tua recensione m'incuriosisce, lo leggero' appena possibile
    Speciale come sempre, Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angy cara ❤ è talmente breve e coinvolgente che lo si legge in pochissimo!

      Elimina
  2. Ora che ci penso lo sai che avevano fatto un film in chiave moderna di Cenerentola? Mi pare ci stava Hilary Duff e quel fusto di Chad Micheal Murray <3 Insomma, non so perché ma questo libro mi ha fatto venire in mente questo film ehehe Comunque dalla recensione sembra molto carino, non ha una trama molto profonda dietro quindi è buono per leggerlo quando si vuole prendere una pausa da letture un po più impegnative *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro quel film ❤❤❤
      La cosa bella dei retelling è che comunque la fiaba è quella, quindi si sa già come finisce, la cosa interessante è vedere che tipo di evoluzione viene fatta fare al personaggio canonico, in questo caso Cenerentola!

      Elimina
  3. wow Ink mi ero persa questo titolo eppure fa davvero ma davvero per me, DEVO rececuperarlo! *_* Ok mi metto subito all'opera per reperirlo, è una lettura che non può mancarmi *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sognatrice come sei, di sicuro non può mancare nella tua libreria fisica o digitale che sia!

      Elimina
  4. Sai che è da una vita che Amazon mi consigli a questo libro? La tua recensione mi ha convinto! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste sono quelle cose che fanno salire al settimo cielo il mio cuoricino di blogger!

      Elimina
  5. Non l'avevo minimamente preso in considerazione, ma penso che di sognare non ne ho mai abbastanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto una sana dose di fiabe vecchio stile è quello che ci vuole!

      Elimina