mercoledì 22 giugno 2016

Recensione: Maleficio di Rachel Hawkins

Etichette: , , , , , ,
Recensione 


Buon pomeriggio Inkers, come state? Avete letto i due super articoli di lunedì? Se non lo avete fatto siete invitati a farlo qui per il blogtour di "Infelici e Scontenti" e qui per il blogathon a tema "I Migliori Film Tratti Dai Libri" e a dirmi la vostra!
Questa settimana è povera di letture per me in quanto nel weekend avevo iniziato "Delirium" ma non mi ha rapita come speravo, così con l'uscita di lunedì di "Prova ad amarmi ancora" ho deciso di sospenderlo un attimo per scoprire cosa la Kant aveva preparato per noi lettori. Ahimè, anche questo si sta rivelando una colossale delusione... e quindi oggi vi porto una delle recensioni "mancate" di cui vi avevo parlato nell'ultimo appuntamento del "Miscellaneous".
Per la felicità della mia amica Ely de "Il Regno dei Libri" ecco a voi l'appuntamento mancante con il secondo volume della serie Hex Hall/The Prodigium Trilogy: Maleficio di Rachel Hawkins!

recensione review Maleficio di Rachel Hawkins newton compton hex hall
MALEFICIO
Rachel Hawkins

recensione review Maleficio di Rachel Hawkins newton compton hex hall

Editore: Newton Compton
Prezzo: Cartaceo 14,90€, Ebook 2,99€
Pagine: 288
Serie: Hex Hall/The Prodigium Trilogy #02

Trama: Sophie Mercer è una ragazza Prodigium. Ma quando con le sue straordinarie capacità ne ha combinata una di troppo, è stata spedita all’Hecate Hall, una scuola speciale dove vengono raddrizzati e puniti ragazzi che hanno esagerato con i loro strani poteri (streghe, mutaforma, maghi, licantropi, fate). Ma questo accadeva prima che Sophie scoprisse gli oscuri segreti che la sua famiglia aveva tenuto nascosti per anni. E soprattutto prima che si innamorasse di Archer Cross, un membro infiltrato dell’Occhio di Dio, organizzazione fondata proprio allo scopo di distruggere i Prodigium. E ora Sophie sa di essere un demone e che in un prossimo futuro potrebbe essere costretta a far del male anche a coloro che ama. Ecco perché, quando il Consiglio dei Prodigium la spedisce in Inghilterra, decide di sottoporsi lì alla Rimozione, una procedura difficile e pericolosa che cancella definitivamente ogni potere magico. A Thorne Abbey, l’imponente e immensa residenza sede del Consiglio dei Prodigium, incontrerà suo padre, il capo del Consiglio, che le rivelerà una storia sconvolgente; ma più sconvolgente ancora sarà la scoperta che qualcuno sta allevando in segreto molti altri demoni per sfruttarne la potenza distruttiva. Sophie si accorge presto di essere nel mirino dell’Occhio, che invia a controllarla proprio Archer Cross. Pensava di averlo ormai dimenticato, ma si accorgerà ben presto di provare ancora qualcosa per lui, specialmente quando Archer finirà in un gran brutto pasticcio…


RECENSIONE

Che io fossi Team Cal fin dal primo libro non era un segreto, quindi immaginate quanto abbia gongolato al'inizio del libro sapendo che questo personaggio avrebbe avuto un ruolo maggiore.

Come il volume precedente anche Maleficio scorre che è una meraviglia e allo stesso modo non riesce a conquistarmi. Non riesce ad entrarmi sottopelle trasmettendomi i sentimenti dei personaggi o incuriosendomi per scoprire di più circa il mistero in corso.
Nel corso della storia facciamo la conoscenza di nuovi personaggi che però risultano poco definiti, senza contorni, a tratti sbiaditi; mentre i personaggi che già conosciamo restano lì senza subire mutazioni.
La ricomparsa di Archer dopo poche pagine non è una gran sorpresa, ma ammetto che è riuscito a farmi cambiare leggermente idea sul suo conto pur non riuscendo a spodestare Cal dal mio cuore. Cavolo, per una volta potrebbe vincere la seconda scelta, no?
E la protagonista? Sophie anche in questo volume continua ad avere paura di se stessa, fine. Non c'è altro da dire, perché davvero non succede assolutamente nulla! Tutti gli pseudo eventi di questo libro potevano essere tranquillamente scissi in due e inseriti un po' nel primo e un po' nel terzo. L'autrice avrebbe potuto optare per una duologia un po' più carnosa anziché una trilogia così povera.

Tra l'altro c'è una scena no-sense in cui Sophie, su richiesta del padre, sta indossando un abito, ma nella stessa scena "mette le mani nelle tasche dei jeans". Bah.

L'unica cosa che salva leggermente il libro è che ti lascia con talmente tanti interrogativi che leggere il terzo è quasi d'obbligo per capire dove andrà a parare.

E comunque, forza Team Cal!

Rachel Hawkins - Hex Hall/The Prodigium Trilogy:

1. Incantesimo, 2015
2. Maleficio, 2015
3. Sotilegio, 2016


4 commenti:

  1. Ink eccomi ^_^ ah si eccome se aspettavo questa recensione! <3 <3 <3 Avendo comprato il primo libro in cartaceo e non avendolo ancora letto non sapevo se facevo bene a regalarmi tutti gli altri libri in cartaceo o ripiegare sugli ebook! E il verdetto è: ripiegare sugli ebook, ovviamente! Mi dispiace perchè avevo alte aspettative ma qualcosa mi ha sempre frenata, un sensto senso che mi diceva di aspettare. Ebbene aspetto eccome, niente cartacei almeno per ora... un libro che prima ti fa immaginare un vestito e poi ti parla di tasche di jeans no no e ancora no. Qundi grazie Ink, sei stata un tesoro a scegliere di pubblicare subito questa recensione, mi serviva nel vero senso della parola! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io ci sono rimasta malissimo perchè tutti ne parlavano talmente bene che ho recuperato i tre ebook in blocco dato anche il loro prezzo vantaggioso, quindi immagina i livelli della mia delusione!

      Elimina
  2. Ciao Ink! Ho letto questo libro l'estate scorsa ed effettivamente, per quanto la scrittura fosse leggera e scorrevole, non sono mai riuscita ad appassionarmi e a leggerlo tutto d'un fiato. Credo di non averle nemmeno terminato ahahah. È un vero peccato, comunque, perché la trama non è male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente la trama racconta tutto quello che c'è da sapere, né più né meno. Mi chiedo come abbia avuto tutto questo successo...

      Elimina